“Hai fatto i compiti ?”- E’ giusto fare questa domanda ?

Compiti adolescenti
Nan Coosemans

Caro genitore,

scommetto che anche a te è capitato di chiedere a tuo figlio o tua figlia: “Hai finito i compiti per domani? Hai studiato per l’interrogazione?”

E scommetto anche che come risposta ti sarai beccato un  “Uffaaa siii, li ho finiti!” oppure magari un “ Li faccio dopo, questi non sono affari tuoi”.

A giudicare dal poco entusiasmo con cui i ragazzi rispondono a questa domanda, a noi genitori verrebbe proprio da chiederci: farò bene o non farò bene a chiedere questa cosa a mio figlio/mia figlia?

Per risponderti a questa domanda vorrei porti davanti alla seguente scena.

La mamma (o il papà) di una ragazzina di 11 anni è sconvolta perché sua figlia, che alle elementari era bravissima e aveva ottimi voti, ha iniziato le medie e ha riportato a casa voti molto bassi!

La mamma come prima cosa pensa che la figlia non si stia più impegnando a dovere e quindi automaticamente decide di sgridarla e di metterla molto sotto pressione.

La figlia dal suo canto, già si sente una fallita per aver riportato questi “insuccessi” a scuola e, non trovando conforto nemmeno a casa, si butta giù moralmente.

La mamma va avanti con la sua politica del controllo e ogni giorno ricorda alla figlia di fare bene i compiti e a fine giornata le chiede se è riuscita ad ultimarli tutti.

La figlia però le risponde a malapena, si rifiuta di collaborare, è scontrosa, di cattivo umore , scocciata e afflitta.

Cosa sta succedendo in questa famiglia? La mamma fa bene a controllare così tanto la figlia o dovrebbe lasciarla stare di più? La figlia è solo una ribelle che non ha voglia di collaborare oppure nasconde altri disagi interiori?

Analizziamo insieme la situazione per capire:

Alle elementari i voti alti vengono un po’ regalati. Con ciò non voglio dire che i bambini non si impegnano e non li meritano, ma voglio solo dire che dalla 1° alla 5° elementare arrivare al 10 è mille volte più semplice che alle scuole medie.

Ciò che succede ai genitori e ai bambini (a quasi tutti te lo assicuro) è che ci si lascia “ingannare” dai questi bei voti delle elementari e ci si cominci a creare aspettative super alte!

I bambini si fanno, giustamente, un’idea di se stessi molto positiva che sicuramente li aiuta ad avere una forte autostima e aumenta la loro voglia di studiare per continuare a collezionare successi. I genitori, allo stesso modo, si legano a questi risultati e si focalizzano sull’idea, confortante, del proprio figlio molto studioso e bravo a scuola.

Cosa succede con il passaggio alle scuole medie o superiori? 

Succede che tutto cambia! Non solo la scuola ma anche la vita perché inizia la fase vera dell’adolescenza. In poco tempo tutto, ma proprio tutto cambia:

  • Il corpo cambia
  • Il cervello si modifica
  • Gli ormoni si attivano
  • Le amicizie cambiano
  • La scuola è più difficile

Anche le priorità dei ragazzi cambiano, la scuola non è più la cosa più importante e divertente ma diventa un dovere, un obbligo ed è tutto perfettamente normale.

Nel momento in cui iniziano (quasi inevitabilmente) a prendere voti più bassi, i ragazzi si scoraggiano e la loro motivazione cala ulteriormente. Chiaramente ci sono anche ragazzi che sono motivati e che continuano ad andare molto bene a scuola. La cosa importante da ricordarsi è che se anche ciò non accade, non si deve fare un dramma ma affrontare la situazione con la giusta consapevolezza.

I voti bassi alle medie non significano solo che i nostri figli siano degli svogliati, ma sono conseguenza di tanti e diversi fattori (come già detto sopra).

Quando iniziano le medie, i nostri figli sono pre-adolescenti o adolescenti e sarebbe bene tenere conto che chiedere di continuo “Hai fatto i compiti per la scuola?” sarebbe assolutamente da evitare perché I RAGAZZI SANNO DI DOVER FARE I COMPITI, ed è inutile ripeterlo ancora.

I ragazzi sanno quali sono i loro doveri e i compiti sono uno di questi doveri, solo che nella fase adolescenziale hanno bisogno dei loro tempi. Quindi, che facciano o non facciano i compiti, è inutile dirglielo o ripeterlo. La cosa più utile da fare invece sarebbe aiutarli ad organizzarsi perché questo è molto difficile a loro età.

Il cervello dei ragazzi non ha ancora la capacità di organizzarsi bene (semplicemente perché non ha ancora sviluppato i neuroni per poterlo fare) quindi spesso quando vedono una grande quantità di compiti rimandano oppure a volte non li fanno proprio.

In questo caso un genitore può aiutarli a pianificare la settimana, a dividere le pagine da studiare e ad organizzare le attività della giornata.

Noi di Younite utilizziamo una tabella che aiuta molto i ragazzi

Se invece vuoi capire come motivare tuo figlio nello studio allora leggi qui

Nan Coosemans

Family Coach, Youth Therapist e fondatrice di Younite.

Condividi questo articolo con chi vuoi!

Video corso gratuito:

Migliora subito il rapporto con tuo figlio/tua figlia

Scopri subito quali sono:
“Gli errori da NON fare con un figlio adolescente"

Inizia Gratuitamente a migliorare il rapporto con tuo figlio

Compila il FORM per ricevere il video corso Gratuito:
(non sarà gratuito per sempre!)

Iscriviti alla Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle nostre news, gli eventi e le promozioni

Torna su

Vuoi essere sicura/o che il tuo approccio con tuo figlio adolescente vada bene?

Scopri gli errori assolutamente da NON fare con un adolescente

Siamo pionieri in Italia nel guidare i genitori di ragazzi dai 9 ai 18 anni a migliorare il rapporto con i propri figli

Non aspettare il prossimo litigio, agisici ora solo per poco il corso sarà GRATUITO!

X