fbpx

Mio figlio non ha voglia di fare niente…9 passi per motivarlo!

Mio-figlio-non-ha-voglia-di-fare-niente-center-top-1140x350
Nan Coosemans

Un tempo gli adolescenti partecipavano intensamente alla società…oggi sembra facciano parte solo della società chiamata “social media” 😉
Li vediamo sempre più “attaccati “ai cellulari, all’i-pad, ai videogiochi etc..come se il mondo reale fosse là dentro invece che qui fuori.

Che ci piaccia o no questo nuovo modo di comunicare fa parte di quest’era, e purtroppo comporta conseguenze come: minore motivazione, pigrizia, disturbi sociali e meno immaginazione.

Ma come fai a motivarli?

E la seconda domanda è dovresti ancora motivarli?


Quello che vediamo spesso lavorando con gli adolescenti e con le loro famiglie è che i genitori, nei confronti del cambiamento che gli adolescenti vivono, rimangono indietro. L’approccio che il genitore ha nei confronti del proprio figlio fino a 10 anni dovrebbe cambiare verso gli 11 anni, perché è proprio in quel momento che il genitore dovrebbe diventare sempre di più una guida.

Siamo ancora troppo abituati ad imporre le cose ai figli invece di invitarli a pensare con la loro testa, per trovare delle soluzioni oppure fare degli accordi che dentro casa funzionino per tutti, per una convivenza costruttiva.

La chiave della motivazione è proprio questa, se tuo figlio è d’accordo con te e stabilite insieme delle “regole” si sentirà anche più responsabile. Dopo aver stabilito le regole, come passo successivo ci aspettiamo che i nostri figli se ne ricordano!

E vi posso rivelare una verità, la gestione delle emozioni, la gestione del tempo, l’essere responsabili purtroppo non sono abilità che vengono insegnate a scuola quindi come primo dovere i genitori dovrebbero guidare i loro figli in tutto questo.

E ricordati, gli adolescenti sono più motivati se hanno creato insieme a te un programma, e visto che non sarà mai una loro priorità, ricordarselo non sarà sempre facile per loro. Questo non vuol dire che non sono responsabili, solo che sono adolescenti 😉


Scopri e vivi un’esperienza UNICA insieme a tuo figlio/a!
Sei una Mamma? >>> SCOPRI DI PIÙ
Sei un Papà? >>> SCOPRI DI PIÙ


Cosa fare?

  • Essere un esempio! Quanto tempo stai al telefono? Se tuo figlio ti chiama cosa fai? lo spegni e stai ad ascoltare o rispondi mentre guardi le notifiche su whatsapp? Se parliamo di motivazione, i ragazzi ci dicono spesso “i miei genitori hanno più interesse a stare a telefono che con me” ricordandoti l’esempio guida 😉
  • Dai attenzione a tuo figlio, vediamo spesso che gli adolescenti non si sentono più “supportati” dai genitori quindi automaticamente sono meno motivati per fare delle cose per e con loro. Anche se tuo figlio è più grande, a volte ha bisogno di quell’extra di attenzione in più.
  • Vuoi ottenere qualcosa? Parlane per trovare accordi, insieme! Tuo figlio non ha più 9 anni, vuole sentirsi responsabile e tu lo devi aiutare a creare un piano di “responsabilità” con il quale entrambi andate d’accordo.
  • Deve avere un obiettivo chiaro! Cosa ci guadagno io in tutto questo? Sembra una frase commerciale ma nella loro testa si pongono questa domanda: “ok, mia madre vuole questo da me.. e io cosa ci guadagno?” E non deve essere per forza qualcosa di materiale o soldi, ma il tuo adolescente deve capire che convenienza ha per se stesso facendo quel che fa. Quando tuo figlio è un adolescente non c’è più bisogno di fare la camera per lui per esempio, la domanda chiave deve essere : qual’ è lo scopo per mio figlio? Voglio che lui diventi un uomo di successo o che faccia quello che io voglio? Infatti i genitori sono più interessati ai risultati a breve temine invece che a quelli a lungo termine. Motivarli vuol dire dagli dei compiti in cui loro riconoscono un valore! Se il tuo adolescente vuole essere ordinato, e vuole indossare degli abiti puliti, fallo adoperare da solo, pulire da solo, o mettere a posto i suoi panni…se lui vede il lavoro che sta dietro al risultato, lo farà.
  • Dagli la responsabilità per qualcosa di specifico in casa per esempio …sta diventando piano piano un adulto e si vuole sentire responsabile. La cosa bella è che se gli dai una responsabilità e per pigrizia non adempie a quest’ultima, deve fare i conti con se stesso, questo vale per le cose in casa ma anche per i compiti , per gli esami ecc. “Insegnare” le cose non funziona più, deve farle, deve porsi tante domande e se “fallisce” riguardo la responsabilità presa è importante parlarne insieme per vedere come si sente di fronte a questo “fallimento/lezione” e che soluzioni ha.
  • Le cose che deve fare devono rimanere divertenti…So che a volte per noi non lo è, e magari non abbiamo neanche il tempo per pensare a qualcosa di divertente, ma per loro è importante. Se tuo figlio può fare delle ricerche, guardare su Youtube ecc per mettersi in azione, prova questo metodo. È molto importante capire il canale di “comunicazione preferenziale” che usa tuo figlio, se è cinestetico, visivo o auditivo. Cosi puoi dargli dei “compiti” da fare utilizzando mezzi e strumenti per lui più interessanti e stimolanti. Per esempio, i compiti si possono fare in tanti modi, se tuo figlio è visivo fagli vedere un documentario invece di leggere il libro, così impara più velocemente ed è più motivato, perché gli piace.
  • Usa l’umorismo e la simpatia per ricordare a tuo figlio il patto stabilito insieme, invece di imporre a lui che deve ricordare le cose che deve fare. Se lo tratti da irresponsabile è peggio, e indicare i suoi sbagli non aiuta nel vostro rapporto 😉
  • Festeggia i suoi successi. Chiaramente è una frase banale ma molto spesso viene dimenticato il concetto che sta dietro questa frase, perché siamo troppo concentrati su quello che devono fare.
  • Non mollare mai… Così come noi abbiamo delle giornate NO, anche loro ne hanno e forse ancora di più. Devono capirsi, conoscersi ed evolversi.. non è affatto un compito facile e in questo processo spesso vengono velocemente distratti dalla parte negativa che li fa sentire falliti. Il sostegno di un genitore è veramente importante, e non per dire tengo la sua manina, ma per esserci quando lui/lei ha bisogno. 

Il Nostro Best Seller!

Un libro che dà voce agli adolescenti e insegna ai genitori come stare vicino ai figli che crescono.

Nan Coosemans

Nan Coosemans

Fondatrice di Younite®, Family e Youth Coach, Autrice del libro “Quello che i ragazzi non dicono” ed. Sperling & Kupfer e mamma di 3 figli. Lavoro da oltre 20 anni nel mondo dello sviluppo personale. Ho fondato Younite® nel 2010 e Genitori in Azione nel 2016, la prima scuola online per genitori con adolescenti. Ho studiato vari anni in America, Olanda e Inghilterra integrando il lavoro sviluppato con con NLP, TLT, VT® e Family Therapist. Insieme alla squadra di Younite® ho lavorato con migliaia di ragazzi e famiglie in Olanda & Italia. Sono co-fondatrice dell'Accademia YADA, la prima scuola di formazione per diventare Family o Youth Coach in Italia
SI PARTE!

Cosa non fare con un figlio adolescente

Video Corso Gratuito

Cosa troverai in questo video corso?

Tutto completamente GRATIS!

Scopri gli errori assolutamente da NON fare con un adolescente

Compila il FORM per ricevere il video corso Gratuito via mail:

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi consigli utili per guidare al meglio i tuoi ragazzi!

Torna su

YOUNITE BLACK WEEK

50% DI SCONTO SULLA SFIDA 80 GIORNI

:
:
:

Vuoi essere sicura/o che il tuo approccio con tuo figlio adolescente vada bene?

Scopri gli errori assolutamente da NON fare con un adolescente

Siamo pionieri in Italia nel guidare i genitori di ragazzi dai 9 ai 18 anni a migliorare il rapporto con i propri figli

Non aspettare il prossimo litigio, agisici ora solo per poco il corso sarà GRATUITO!