fbpx

Essere genitore oggi: una sfida moderna

essere-genitore-oggi
Picture of Alessia Conti

In quest’epoca di rapidi cambiamenti, il ruolo del genitore si è trasformato, diventando una delle esperienze più complesse e gratificanti della vita. Essere genitore significa essere il faro nella vita dei propri figli, la figura di riferimento a cui si rivolgono per trovare sicurezza, amore e comprensione. È un compito che va ben oltre la semplice cura fisica, estendendosi al nutrimento emotivo, al supporto psicologico e all’educazione morale.

Tuttavia, le pressioni esterne, le aspettative, le critiche e i giudizi possono creare insicurezze e dubbi, rendendo il percorso genitoriale ancor più arduo. In questo articolo ci immergeremo nel tema della genitorialità moderna, esplorando il significato di essere genitore oggi, le sfide che questo ruolo comporta e le strategie per riscoprire la connessione con se stessi e con i propri figli.

Il significato di essere genitore

Il ruolo del genitore è uno dei più antichi e universali dell’esperienza umana, ma il suo significato è in continua evoluzione, adattandosi ai cambiamenti culturali, sociali e storici. Al centro di questo ruolo c’è la figura del genitore come punto di riferimento fondamentale per il bambino, un faro costante in un mondo in rapido movimento.

Essere genitore significa essere la guida sicura che accompagna il bambino attraverso le diverse fasi della vita, fornendo sostegno, amore e comprensione. Il nutrimento oltrepassa il concetto fisico e si estende al mondo emotivo e psicologico: ecco perché il supporto emotivo è un altro pilastro fondamentale della genitorialità, essenziale per sviluppare una solida sicurezza personale nell’infante.

Le sfide della genitorialità moderna

Il ruolo del genitore ha subìto una trasformazione radicale nel corso degli anni: la società moderna ha introdotto nuove dinamiche nella vita familiare, rendendo la genitorialità un compito ancora più complesso e sfidante.

Le Pressioni della Società Moderna

Nelle mie sessioni di coaching one-to-one con i genitori, ascolto spesso racconti di frustrazione, stanchezza e paura per il futuro. Questi sentimenti sono sempre più comuni in un mondo che sembra chiedere sempre di più, lasciando i genitori a sentirsi sopraffatti e incerti su come navigare le complessità della genitorialità moderna.

I genitori oggi sono chiamati a svolgere molteplici ruoli, spesso in equilibrio precario tra lavoro, vita familiare e tempo per sé stessi. Le critiche e i giudizi possono diventare fonti di pressione, esprimendo giudizi e aspettative talvolta irrealistici. Imparare a navigare tra queste critiche, mantenendo fede ai propri principi educativi e al proprio stile genitoriale, è sicuramente una delle sfide più grandi della genitorialità moderna.

Critiche e Giudizi: Una Pressione Costante

In questo contesto, i genitori si trovano spesso al centro di un fuoco incrociato di critiche e giudizi, provenienti da diverse direzioni. I propri genitori possono esprimere disappunto per le scelte educative adottate, magari differenti da quelle che loro stessi hanno utilizzato. I suoceri possono avere aspettative diverse e non sempre allineate con il proprio stile genitoriale. Altri genitori, insegnanti e persino i figli stessi possono diventare fonti di pressione, esprimendo giudizi e aspettative talvolta irrealistici.

Esempi Concreti di Critiche

  • Dai Nonni: “Non capisco perché abbiate scelto questo metodo educativo, noi abbiamo fatto diversamente e voi siete cresciuti bene!”
  • Dai Suoceri: “Dovreste essere più fermi nelle vostre decisioni, i bambini hanno bisogno di regole chiare!”
  • Dagli Altri Genitori: “Non condivido il vostro approccio su questo argomento, i miei valori sono diversi.”
  • Dagli Insegnanti: “Dovreste insegnare a vostro figlio a essere più rispettoso in classe.”
  • Dai Figli: “Perché non potete essere come i genitori di Marco? Loro lo lasciano fare quello che vuole!”

Ritrovare la connessione con se stessi

Nel tumulto della vita quotidiana e di fronte alle sfide della genitorialità moderna, può essere facile per i genitori perdere la connessione con se stessi e con il proprio intuito parentale. Ritrovare questa connessione è fondamentale per comprendere che tipo di genitore si vuole essere e per guidare i propri figli con saggezza e amore.

Ogni genitore ha un proprio stile e un proprio approccio alla genitorialità, che si forma attraverso le esperienze di vita, i valori e le convinzioni personali. È importante ascoltare il proprio intuito e fidarsi delle proprie capacità genitoriali, senza lasciarsi sopraffare dalle pressioni esterne e dalle aspettative altrui.

Superare le illusioni e le aspettative

La ricerca della perfezione e il confronto con aspettative esterne spesso irrealistiche possono creare tensioni e complicare il rapporto tra genitori e figli: in una società che esalta l’immagine della perfezione, è facile cadere nella trappola di voler essere genitori impeccabili, dimenticando che l’autenticità e l’accettazione delle proprie imperfezioni sono elementi chiave di una relazione sana e positiva.

Riflessioni e azioni

La genitorialità è un viaggio costante di apprendimento e crescita che coinvolge non solo i figli, ma anche i genitori stessi. Prendersi il tempo per riflettere sul proprio modello di genitorialità e su come si può migliorare è un passo essenziale per costruire con loro un rapporto solido e positivo.

Connettersi con il Proprio Modello di Genitore

È fondamentale iniziare a connettersi profondamente con il proprio modello di genitore. Chiedetevi: “Cosa penso sia più giusto per mio figlio/a?”. Ascoltatevi attentamente e sinceramente, cercando di capire se il modello che avete scelto è libero da condizionamenti esterni. Empatizzate con voi stessi, riflettendo su ciò di cui avevate bisogno quando eravate adolescenti e su come questo può influenzare il vostro stile genitoriale oggi.

Esercizio di Riflessione: La Caduta

Vi lascio con una domanda alla quale vi chiedo di rispondere per voi stessi: “Se vostro figlio cade, come genitore cosa scegli di fare?”

  1. Cado insieme a lui e mi dispero.
  2. Gli tendo la mano e aiuto ad alzarsi dalla caduta.
  3. Mi siedo vicino a lui, lo sostengo nel trovare il modo di alzarsi e aspetto che sia pronto a farlo.

Scrivete la vostra risposta e riflettete sul motivo per cui avete scelto quella specifica opzione. Conservate queste riflessioni; esse saranno un prezioso promemoria delle vostre intenzioni e del vostro impegno come genitore. Ricordate, non c’è una risposta giusta o sbagliata. Ognuno è libero di essere il genitore che desidera essere. L’importante è essere consapevoli e pronti a mettersi in azione per migliorare, se lo ritenete necessario.

Conclusione

Abbiamo intrapreso un viaggio approfondito attraverso le sfumature e le complessità della genitorialità moderna, esplorando il significato profondo di essere genitore, le sfide che questo ruolo comporta e le strategie per riscoprire la connessione e l’autenticità.

Essere genitore è un’avventura straordinaria, ricca di sfide ma anche di momenti di gioia incommensurabile, in cui ognuno ha la possibilità di trovare il proprio percorso unico, di crescere e di apprendere insieme ai propri figli costruendo un legame che durerà per sempre. La chiave sta nell’essere presenti, nell’ascoltare e nell’amare, ricordando che, nonostante le sfide, la genitorialità è uno dei viaggi più belli e significativi della vita umana.

Cosa non fare con un figlio adolescente

Video Corso Gratuito

Cosa troverai in questo video corso?

Tutto completamente GRATIS!

Scopri gli errori assolutamente da NON fare con un adolescente

Compila il FORM per ricevere il video corso Gratuito via mail:

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi consigli utili per guidare al meglio i tuoi ragazzi!

Torna in alto