fbpx

Adolescenza: perché gli amici sono più importanti dei genitori

Adolescenza
Picture of Nan Coosemans

Per tutti i genitori arriva, come un fulmine a ciel sereno, l’adolescenza dei figli e inizia il periodo dell’indifferenza, della strafottenza, del “so tutto io” e del “me ne frego”.  Non è vero? 

Se sei qui a leggere, molto probabilmente, è perchè anche i tuoi figli ti trattano come se avessero vergogna di te, ti snobbano, fanno tutto il contrario di ciò che dici e ti criticano in continuazione. 

Cosa succede? Perchè da amorevoli creature, i tuoi figli, ora sembrano i peggiori giudici scesi sulla terra per crocifiggerti e darti contro? 

Non è successo niente, tranquillo/a! Tuo figlio o tua figlia stanno solo compiendo i naturali passi per diventare adulti indipendenti da te e autonomi. 

Il dramma è che questo processo avviene, per forza, attraverso una battaglia che i ragazzi fanno ai genitori per dimostrare a se stessi e ai genitori che loro possono farcela da soli, che non hanno bisogno dei genitori e che hanno tutte le capacità per pensare e prendere decisioni in autonomia. 

Gli amici sono la squadra con la quale si combatte la “battaglia” all’indipendenza

In questa battaglia chi è l’esercito che sostiene i tuoi figli? Facile, è l’insieme dei loro coetanei: persone che stanno attraversando la loro stessa fase e che sembrano essere gli unici a poterli davvero comprendere. 

In effetti, spesso, i genitori dimenticano cosa voglia dire essere adolescenti, e non riescono più ad empatizzare con i figli. 

Per tale motivo si fanno uscire fuori frasi del tipo: “ Non capisco perché devi parlare così”, “Non so perchè tu debba indossare quei jeans”, “Ma che persone frequenti? Che musica ascolti?”. 

Insomma, i genitori, preoccupati dai cambiamenti fisico-mentali-emotivi-sociali dei figli, continuano a criticarli solo per il fatto che essi “non sono come i genitori desiderano”. 

Più i genitori impongono un canone da seguire più i ragazzi se ne distanziano

Eccoci arrivati al punto chiave di questo processo. Ragioniamo insieme ok? 

Se tuo figlio o tua figlia, a questa età, ha come principale e fisiologico istinto di allontanarsi da te per affermare la propria identità e autonomia come puoi minimamente pretendere che segua ciò che dici?

Più imporrai degli schemi entro cui stare e più loro li distruggeranno per dimostrare che NO, non hanno bisogno di te e che le regole se le mettono da soli su CHI e COSA gli piace. 

Attenzione a non cadere nella trappola del diventare il “genitore amico”: per essere vicino o vicina ai tuoi figli non devi comportarti come i loro amici. 

Perchè gli amici sono così importanti durante l’adolescenza

Gli amici, al contrario di quanto recita il titolo dell’articolo, non è che siano più importanti dei genitori. Gli amici però assumono una valenza diversa rispetto ai genitori. 

La mamma e il papà sono insostituibili nel cuore dei ragazzi, non importa quanto ribelli essi si dimostrino e quanto diffidenti siano, i genitori sono i genitori e nessuno potrà mai prendere il loro posto. 

Ciò che cambia, in adolescenza, è la funzione dei genitori. Mentre prima i genitori erano l’ancora a cui ancorarsi, ora sono il porto da cui partire e gli amici sono le altre navi con cui partire.

Il genitore quindi è il porto sicuro che ci si lascia alle spalle ogni volta che si fa un passo in più verso l’indipendenza. I compagni di viaggio, invece, sono gli amici, i coetanei. 

Gli amici sono i loro simili, persone che in quel momento hanno la stessa missione di vita: capire chi sono, affermare la loro identità e iniziare a prendere il mare. 

Andare al largo insieme è molto più semplice, più divertente e più motivante, non ti ricordi che è stato così anche per te?

Ogni volta che un genitore vuole fare di più e quindi spingersi oltre i confini tracciati dal figlio, è come se lo stesse accompagnando per mano alle scuole superiori. 

Ecco che più i genitori sono protettivi e più i ragazzi tenderanno a nasconderli e a nascondergli le avventure con i loro amici per evitare che gli creino imbarazzi. 

Gli amici sono anche coloro attraverso cui i ragazzi si fortificano e costruiscono la propria sicurezza. Essere accettati dal gruppo di pari è una riprova sociale di cui i ragazzi, adesso, hanno bisogno. 

Se, fino a pochi anni prima, non se ne importavano, adesso diventa la priorità assoluta: devono essere certi di non essere da meno agli altri.

Se gli amici che tuo figlio o tua figlia si sono scelti in questo momento della loro vita, non ti piacciono, non andare in panico e non farti prendere dalla mania di “proibire queste frequentazioni” otterrai solo l’effetto contrario. 

Piuttosto prima di giudicare parla con i tuoi figli, fatti raccontare, mostrati aperto/a e troverai sempre lo spiraglio per guidarli verso ciò che è giusto per loro. 

Come si deve comportare un genitore durante questa fase?

Come abbiamo accennato prima, un genitore, in questa fase è il porto sicuro, ossia quella persona importantissima MA che deve restare al suo posto anche se vede i propri figli allontanarsi al largo un po’. 

Non si può permettere di interferire con loro però deve essere lì se ne hanno bisogno. Il genitore che meno ottiene risultati è quello che dice 

“NON FAI COME DICO IO E QUINDI NON TI AIUTO”. 

Attenzione a non fare questo  errore, i ragazzi si devono lasciare liberi di sbagliare e non gli si deve MAI negare l’aiuto se hanno fatto come dicevano loro e non si sono trovati bene. 

Quella tra genitore e figlio non è una battaglia a “chi ha ragione”. Diciamo che mentre i ragazzi fanno la guerra ai genitori, i genitori dovrebbero comportarsi come Gandhi, distaccarsi emotivamente, mantenere la serenità, non andare in panico e vincere con la calma e con la presenza. 

Lo sappiamo che non è facile, i figli spesso tirano fuori da noi il peggio, Ma questo accade anche quando noi genitori non siamo abbastanza formati e maturi da poter essere delle guide per i nostri adolescenti. 

Vuoi scoprire come diventare il miglior genitore per il tuo adolescente e migliorare la comunicazione e il rapporto con lui/lei? 

Partecipa al nostro Tour 2023 “GENITORI SENZA STRESS” , dal 17 al 20 Aprile nelle principali città italiane e online! 

CLICCA QUI PER SCOPRIRE TUTTI I DETTAGLI SUL TOUR



Picture of Nan Coosemans

Nan Coosemans

Fondatrice di Younite®, Family e Youth Coach, Autrice del libro “Quello che i ragazzi non dicono” ed. Sperling & Kupfer e mamma di 3 figli. Lavoro da oltre 20 anni nel mondo dello sviluppo personale. Ho fondato Younite® nel 2010 e Genitori in Azione nel 2016, la prima scuola online per genitori con adolescenti. Ho studiato vari anni in America, Olanda e Inghilterra integrando il lavoro sviluppato con con NLP, TLT, VT® e Family Therapist. Insieme alla squadra di Younite® ho lavorato con migliaia di ragazzi e famiglie in Olanda & Italia. Sono co-fondatrice dell'Accademia YADA, la prima scuola di formazione per diventare Family o Youth Coach in Italia

Cosa non fare con un figlio adolescente

Video Corso Gratuito

Cosa troverai in questo video corso?

Tutto completamente GRATIS!

Scopri gli errori assolutamente da NON fare con un adolescente

Compila il FORM per ricevere il video corso Gratuito via mail:

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi consigli utili per guidare al meglio i tuoi ragazzi!

Torna in alto